Maritozzi alle mandorle

Maritozzi alle mandorle

DIFFICOLTÀ: media
TEMPO: 9 ore, compresa lievitazione e cottura.

INGREDIENTI:
Per 6 maritozzi

250 g di farina Manitoba
1/2 cucchiaino di lievito di birra secco
50 g d’acqua
75 g di latte a temperatura ambiente
60 g di zucchero
1 uovo +1 tuorlo per pennellare
45 g di burro
1/2 cucchiaio di miele
buccia grattugiata di un limone
buccia grattugiata di un’arancia vaniglia
4 g di sale.

Per farcire:
100 g di pura pasta di mandorla tostata Deanocciola
400 g di panna fresca montata
75g di zucchero a velo

PROCEDIMENTO:

Per preparare i nostri maritozzi alle mandorle ,innanzitutto, preparare un mix aromatico con la buccia di arancia e di limone tritate, la vaniglia e il miele, amalgamare il tutto, coprire con una pellicola e lasciar riposare a temperatura ambiente. Maggiore è il tempo di infusione, migliore sarà l’aroma dell’impasto.

In una ciotola, preparare un lievitino con 50 g di farina presa dal totale, miscelata con il lievito, i 50 g di acqua e un 1/2 cucchiaino di zucchero. Coprire e lasciar lievitare per circa un’ora e mezza, o comunque il tempo necessario alla formazione delle bollicine in superficie e del raddoppio di volume. Consiglio di riporre la ciotola con il lievitino nel forno con la luce accesa, così che preservi il calore necessario a favorirne la lievitazione.

Trascorso il tempo indicato, aggiungere al lievitino la farina, lo zucchero, il latte a temperatura ambiente, e mescolare a mano, o con il gancio della planetaria, per amalgamare insieme tutti gli ingredienti.
Aggiungere gli aromi e continuare ad impastare. Aggiungere, poi, un uovo (sempre a temperatura ambiente) alla volta: solo quando il primo uovo è assorbito aggiungere il secondo.
Infine, aggiungere il burro morbido, piccoli pezzetti per volta, e lavorare l’impasto fino ad ottenere una perfetta incordatura. Aggiungere per ultimo il sale e continuare a lavorare sul piano di lavoro, continuando ad incordare facendo delle pieghe con le mani sporche di farina, fino ad ottenere un impasto morbido e liscio.
Formarne ora una palla e riporla in una ciotola coperta con pellicola per farla lievitare fino a quando non triplicherà di volume. Saranno necessarie circa 3/4 ore, ma è un tempo indicativo, che varia in base alla temperatura e all’umidità. Consiglio, anche in questo caso, di riporre l’impasto nel forno spento con la luce accesa e, nel caso stentasse a lievitare, di inserite nel forno un pentolino colmo di acqua bollente.
Quando l’impasto sarà pronto, dividerlo in pezzi da circa 80 g ciascuno, arrotolarli, dandogli una forma leggermente ovalizzata e adagiarli su una teglia rivestita di carta forno. Lasciarli lievitare ancora nel forno spento con la luce accesa per circa un’oretta, o comunque il tempo necessario a che raddoppino quasi di volume.
A questo punto, miscelare in una ciotolina il tuorlo d’uovo con un pochino di latte e spennellare i maritozzi delicatamente. Far lievitare ancora un’oretta fuori dal forno.
Infine, cuocere i maritozzi nel forno preriscaldato a 180° per circa 15 minuti.
Quando i maritozzi saranno perfettamente raffreddati, si può procedere alla loro farcitura.
Preparare la crema per la farcia, montando la panna montata ben ferma insieme allo zucchero a velo setacciato e aggiungendovi la pura pasta di mandorla tostata Deanocciola con movimenti delicati dal basso verso l’alto per non smontarla.
Tagliare longitudinalmente i maritozzi e farcirli con la panna, poi con un coltello senza seghetto, rimuovere la panna in eccesso e lisciarne la superficie.
Guarnire con zucchero a velo a piacere.
Consiglio di farcire i maritozzi alle mandorle poco prima di servirli e nel numero che si immagina verrà consumato perché i maritozzi al naturale, senza farcia, si conservano anche qualche giorno se chiusi ermeticamente. Non riporre i maritozzi farciti in frigorifero.

Come sono venuti i vostri maritozzi alle mandorle? Fotografa la tua creazione e faccelo sapere su instagram #deanocciola o su facebook @deanocciola

Ricetta di DolceMente Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.